LA FORMAZIONE FINANZIATA
La formazione finanziata è un ottimo strumento a disposizione delle imprese che vogliono effettuare  delle sessioni di formazione rivolte ai propri lavoratori. Per finanziare la formazione, l’azienda può  utilizzare il denaro versato nei fondi paritetici interprofessionali introdotti dalla legge 388/2000 proprio  per incentivare l’utilizzo della formazione e, tramite essa, l’innovazione e la competitività.   Come funziona la formazione finanziata L’azienda può aderire gratuitamente al fondo richiedendo all' INPS che venga loro trasferito il  versamento obbligatorio dello 0,30% che ciascuna azienda versa dal 2004 per ogni dipendente. I Fondi Paritetici Interprofessionali  provvederanno in relazioni alle risorse ricevute a finanziare le attività formative per i lavoratori delle imprese aderenti. I dipendenti  dell'azienda sono gli unici destinatari dei finanziamenti siano essi dirigenti, quadri o impiegati. Allo stato attuale, esistono 21 fondi. Alcuni fondi sono dedicati in modo specifico alla formazione continua dei Dirigenti (Fondir e  Fondirigenti)  e altri alla formazione dei lavoratori dipendenti (Fondimpresa, For.te, Fapi ecc). I fondi rappresentano una grande opportunità per tutte quelle imprese che vogliano crescere, svilupparsi ed essere sempre  competitive sul mercato. Esistono due modalità per accedere ai finanziamenti: Voucher formativi individuali che possono essere utilizzati per l'iscrizione a percorsi formativi interaziendali  (Es. Fondir,  Fondirigenti e Forte) Piani formativi aziendali finanziabili tramite Avvisi o, per alcuni Fondi, ricorrendo al conto formazione e/o individuale aziendale  costituito dalle risorse accantonate. Ciascuna azienda può accedere esclusivamente ai finanziamenti del Fondo al quale è iscritta.